Enter your keyword

Fondi Europei imprenditoria femminile

Fondi Europei imprenditoria femminile

Fondi Europei imprenditoria femminile

Stai cercando informazioni sulle possibilità di investimento nelle attività d’impresa che vedono come protagoniste le donne? 

Nel corso degli anni, si sono aperte per le donne nuove porte di accesso al lavoro autonomo: l’impegno del Dipartimento per le pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri per incentivare l’iniziativa imprenditoriale delle donne, sono stati attivate da parte di varie istituzioni, forme di finanza agevolata, bandi che erogano finanziamenti agevolati e garanzie di credito, pensate per supportare donne imprenditrici nella realizzazione del proprio progetto.

 

Un efficace strumento regolamentato dalla Legge Italiana, che prevede una serie di agevolazioni riservate alle attività create o costituite da donne.

 

La tipologia di prestiti per i quali non è prevista la restituzione della somma richiesta, vengono di solito erogati a favore delle imprese al femminile e per le start up. Questo tipo di prestiti vede il Governo italiano agire di concerto con gli istituti di credito, per offrire opportunità di accesso al credito, non prevede la restituzione del capitale, ma neanche degli interessi maturati..

 

Lo strumento più utilizzato è quello dei finanziamenti agevolati e a fondo perduto, che consistono in una tipologia di prestito garantito a soggetti in possesso di specifici requisiti. In questo caso è essere donne che intendono diventare imprenditrici o libere professioniste.

 

A erogarli sono lo Stato Italiano, le Regioni e l’Unione Europea.

 

 I progetti di imprenditoria femminile devono essere realizzati presso la sede legale o unità operative dell’impresa situate nel territorio regionale.

 

Le risorse possono essere impiegate per coprire:

  • le spese che prevedono investimenti strettamente funzionali all’esercizio dell’attività economica;
  • le spese notarili, per la costituzione, per la realizzazione del business plan, per l’avvio dell’impresa  o connesse agli adempimenti obbligatori.
  • le spese di primo impianto;
  • Nel caso in cui il beneficiario sia una microimpresa, le spese del microcredito.

 

Per avere accesso a questi finanziamenti, è necessario presentare domanda corredata da un business plan della propria attività.

 

È di fondamentale importanza, infatti, fornire tutte le informazioni necessarie per la valutazione della qualità e sostenibilità del proprio progetto imprenditoriale. I nuovi strumenti sono disponibili per le donne che intendono avviare o consolidare un’attività d’impresa, professionale o autonoma, in presenza di specifici requisiti e senza limiti di età.

Scopri di più su i FONDI di FINANZIAMENTO

No Comments

Leave a Reply